lunedì 19 marzo 2007

Veglia: parafrasi e commento

"Veglia"





Un’intera nottata

Buttato vicino

A un compagno

Massacrato

Con la sua bocca 5

Digrignata

Volta al plenilunio

Con la congestione

Delle sue mani

Penetrata 10

Nel mio silenzio

Ho scritto

Lettere piene d’amore



Non sono mai stato

Tanto 15

Attaccato alla vita



Cima Quattro il 23 Dicembre 1915







Parafrasi





Ho passato tutta la notte vicino ad un compagno morto, con la bocca aperta in un ghigno di sofferenza che guarda la luna, con il gonfiore delle mani che tormenta il poeta, scrive lettere piene d’amore



Non sono mai stato tanto legato alla vita.





Commento





In questa poesia, il poeta esprime il suo pensiero riguardo la guerra e la vita. Nella prima parte descrive il suo compagno morto, ed esprime il suo parere sulla guerra. Nella seconda parte Ungaretti scrive che la vita è importante.

La poesia è corta e senza rime, ed è costituita da versi che non hanno la stessa lunghezza.

Nessun commento: